Prima o poi ci si sveglia. Per amore o per forza.

 

I cambiamenti climatici in questo senso sanno essere dei maestri inequivocabili.

 

I telegiornali non mancano di allarmarci sul surriscaldamento globale, sugli inverni inesistenti, le piogge torrenziali alternate a siccità desertiche, le estati sub-sahariane traslocate in Penisola, con un certo compiacimento che rimanda sempre la responsabilità al mittente, spesso domiciliato in un passato remoto, tanto lontano da noi che gli effetti a caduta sembrano imputabili ad una qualche divinità del Pantheon greco-latino. 

 

Di fatto quindi disgrazie, ma senza responsabili.


Quando va bene si tratta di colossi di multinazionali che dalla Rivoluzione Industriale in avanti hanno agito per 'produrre le cose', per permetterci di vivere in case riscaldate, provvisti di auto e mezzi pubblici, confortati da ogni e più bene partorito dall'immaginazione di menti votate a Sua Maestà Le Marketing.

 

E noi sotto, come vasche di scarico di un processo che mai ci riguarda completamente. Ancora una volta, ne incassiamo gli effetti.

 

I costi inevitabili del benessere.Bene. 

 

Ma dove ci mettiamo noi? 

 

Un vincitore è semplicemente

un sognatore che non si è mai arreso.

 

N.Mandela

GRANELLO II.

TdS_Teatro della Sabbia
Associazione Culturale
Via Cavour, 25
33080 Roveredo in Piano (PN)
C.F.91064740938



Tel. +39 340 5805998 / +39 333 3940933 - teatrodellasabbia@yahoo.it