LE PAROLE ABITATE/II.PAROLE SMARRITE

January 8, 2018

 

“L’italiano non è l’italiano: è il ragionare” disse il professore.
“Con meno italiano, lei sarebbe forse ancora più in alto”.
L.Sciascia, Una storia semplice – da G.Antonelli, Volgare Eloquenza.


Tornare a impossessarsi dei segni, dei significati, delle radici. Ma non solo questo sono le parole. E quanto poco ci mettiamo a livellarle, vedi Grillo quanto Silvio. Non è la semplicità a spaventare (ben lontana dall’esattezza, dal senso di precisione e di svelamento che una scrittura limpida si porta dietro), ma la faciloneria con cui tutto – #politica, #lavoro, #etica, #fede, #ragione, #emozioni - viene scarnificato all’osso e non rimane nessuno strato, spessore.
Quando mancano le differenze, non cadiamo purtroppo nell’indifferenziato, che genera dalla Divinità in Follia (tanto cara e temuta dai Greci); semplicemente, nel piatto da cui scegliere rimangono gli ossi, quelli di prima…!
#teatro #parole #paroleabitate #greci #drama #tragedia #scrittura #lettura #radici #art #cultura #picoftheday #sciascia #volgareeloquenza #antonelli #italiano #reading

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Post in evidenza

STANZE/Ottobre-Maggio: i nuovi lab!

September 14, 2019

1/10
Please reload

Post recenti

December 6, 2018

August 28, 2018

Please reload

Archivio
Please reload

Cerca per tag